Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Marione.net - Te la do io Tokyo
Downloads | Sondaggi | Cartoline | Giochi | Forum | Chat
» Te la do io Tokyo
» Notizie
» A.S.Roma
» Video
» Cuccioli in attesa...
» Speciali
 
Aggiungi a Linkedin Aggiungi a Facebook! Aggiungi a Digg! Segnala ad un amico via email
 
Il Tempo
(12/01/2017)

Berdini: il peso medio della politica romana che ha spostato la Giunta a sinistra

Classe 1948, ha compiuto 68 anni lo scorso 16 dicembre, ed è l’uomo, dentro la Giunta Raggi, sicuramente con il pedigree politico e amministrativo di maggior peso, tanto che viene considerato l’elemento più rappresentativo dell’Amministrazione. È Paolo Berdini, assessore con due deleghe pesantissime: l’urbanistica e i lavori pubblici. Da sempre vicino alle posizioni della sinistra, fra il 1995 e il 2000 fu il consulente principale dell’ assessore all’urbanistica di Rifondazione Comunista, Salvatore Bonadonna nella Giunta regionale guidata da Piero Badaloni. E come consulente all’urbanistica ha lavorato con una serie di comuni del Lazio (Lanuvio, Aprilia, Oriolo e Bassano in Teverina), tutti, ovviamente, a guida di sinistra. La sua scuola di formazione è quella della grande urbanistica della sinistra. E Italo Insolera e Antonio Cederna sono sempre citati dallo stesso Berdini come i suoi maestri. Per un quadriennio, dal 2005 al 2009, Berdini ha avuto anche una cattedra a contratto all’Università di Tor Vergata. E, in quel periodo, risale il lavoro cui Berdini, in team, partecipò per la progettazione del piano urbanistico delle case dello studente di Tor Vergata costruite da una società del Gruppo Caltagirone. All’inizio degli anni 90, ricopre la carica di segretario generale dell’Istituto Nazionale di Urbanistica e la sua visione lo porta, poi, nel decennio successivo, ad avvicinarsi a Italia Nostra, tanto che fra il 2001 e il 2008 ne diviene membro della Commissione Territorio. Di fatto, quindi, la sua presenza e quella di Luca Bergamo, assessore alla Cultura e nuovo vicesindaco al posto di Daniele Frongia dopo il rimpasto successivo all’arresto di Marra e il ridimensionamento del “Raggio magico“, garantisce una forte impronta di sinistra alla Giunta capitolina targata 5 Stelle.
 
I mal di pancia, però, non mancano. Sia da parte di Berdini verso alcune decisioni della Giunta Raggi, sia da parte di Sindaco, assessori e consiglieri per molte dichiarazioni di Berdini considerate sopra le righe. Non c’è solo la vicenda dello Stadio della Roma come elemento di forte attrito fra Berdini e il resto della compagine governativa pentastellata, ma anche una serie di decisioni assunte nei primi mesi. Di fatto, ogni atto assunto da Berdini ha finito per generare perplessità o veri e propri mugugni. La Fiera di Roma ridimensionata; le Torri dell’Eur e la fuga di Telecom; la Città dei Giovani all’Ostiense totalmente bloccata; i Piani di Zona fermi al palo: in sei mesi di governo cittadino, secondo le voci interne al Campidoglio, dall’Assessore all’Urbanistica non sono arrivate le risposte attese. E iniziano a serpeggiare molte perplessità anche sulla unificazione delle due deleghe, Urbanistica e Lavori Pubblici: due deleghe pesantissime, che richiedono una enorme mole di lavoro quotidiano. E alcuni consiglieri 5 Stelle si interrogano su quando arriveranno atti anche dai Lavori Pubblici: non c’è traccia, ad esempio, di uno straccio di gara d’appalto per la manutenzione stradale e, dopo ogni goccia di pioggia, le buche proliferano come conigli. Ovviamente, poi, a questo stato di tensione permanente, si somma il lunghissimo tira e molla sulla querelle del progetto dello Stadio della Roma a Tor di Valle.
 
La posizione di Berdini è stata ribadita in ogni possibile circostanza ed è coerente con quanto lo stesso Assessore andava dicendo già durante la consiliatura Marino. In sintesi: per lui profondamente errato l’iter scelto perché rende il Comune soggetto passivo di scelte urbanistiche determinate dal privato che hanno determinato la scelta di un’area, Tor di Valle, che è sbagliata essendo “un deserto urbanistico“. La soluzione prospettata da Berdini è quella di «rientrare nelle previsioni del Piano Regolatore», il che significherebbe fare solo lo Stadio senza niente intorno. Soprattutto senza strade, ponti, metro perché queste opere danno origine a cubature in compensazione. Dall’altro lato, però, la visione della Raggi è molto meno talebana: troviamo un accordo, ma portiamo a casa almeno un’opera. Non si può sempre dire no.

F.M. Magliaro


Notizie correlate
» 22/06/2017 - (Il Tempo) Raggi bocciata. Il tira e molla sullo stadio della Roma
«Lo Stadio della Roma (quando se lo compra) è un regalo al...
» 22/06/2017 - (Il Tempo) Ounas o Ghezzal per sostituire Salah
Caccia aperta all’erede di Salah. L’egiziano va da Klopp e Monchi...
» 21/06/2017 - (Il Tempo) Faccia a faccia tra Pallotta e Di Francesco
Da Londra parte la nuova stagione della Roma targata Di Francesco...
» 21/06/2017 - (Il Tempo) Karsdorp in vacanza con Totti
Due colpi in sette giorni. Monchi ha stilato il piano di mercato della...
» 20/06/2017 - (Il Tempo) Rischio dissesto e vincoli fantasma. Su Tor di Valle non c’è mai pace
Più che «uno stadio fatto bene» quello di Tor di Valle sembra...
» 20/06/2017 - (Il Tempo) Di Francesco e Monchi da Pallotta
Si sarebbero dovuti conoscere in America, mentre la dirigenza giallorossa...
» 20/06/2017 - (Il Tempo) Karsdorp e Pellegrini. La Roma fa due colpi
Due son fatti, il terzo è in arrivo. Dopo il messicano Hector Moreno...
» 19/06/2017 - (Il Tempo) Salah è del Liverpool. Dai Reds 45 milioni
Primo colpo del mago delle plusvalenze. Monchi, dopo...
» 18/06/2017 - (Il Tempo) Ecco le trappole per lo stadio
Accantonati temporaneamente i quesiti in merito...
» 18/06/2017 - (Il Tempo) La dinastia romana non finisce mai
I purosangue romani e romanisti non si sono estinti con l’addio di...

 

Benvenuto su Marione.net - Il sito ufficiale di Marione e della Trasmissione Te la do io Tokyo - A.S. Roma Ascolta la trasmissione, a Roma sui 101.5, a Latina e provincia sui 96.0, a Frosinone sui 101.2, a Subiaco sui 102.0

E-mail in DIRETTA con TE LA DO IO TOKYO! Ebbene sì!!! Potete spedire le e-mail durante le 4 ore di trasmissione! Linea diretta VIRTUALE con 'TE LA DO IO TOKIO'! L'E-MAIL E': diretta@marione.net

C'è qualcosa che vorresti vedere su questo sito? Una nuova sezione? Le tue foto? Un gioco che hai realizzato? O una cartolina? Scrivici, siamo pronti a realizzare quasi tutti i vostri desideri!! :-) webmasters@marione.net

AVVISO AI NAVIGANTI Grazie di cuore per tutto ciò che ci state inviando. Cercheremo di utilizzare le cose più carine...! Vi ricordiamo inoltre che gli interventi più belli in chat o nel forum saranno segnalati. Cosa aspettate dunque? Diteci la vostra!
Marione.net - Te la do io Tokyo
   Cookie policyPrivacy Copyright © 2000-2017 Marione.net
VIDEO
30/05/2017
Il saluto finale del Capitano Francesco Totti al termine di Roma - Genoa (28 maggio 2017)
05/12/2016
lazio - Roma 0-2 raccontata da Guido De Angelis
05/12/2016
Antonio Giampaoli - Bella sta città quando la Roma vince il derby | lazio - Roma 0-2
Marione.net per i cuccioli del Canile
Gli Sponsor di Te la do io Tokyo
Cucine De Gregorio
Ma Cosa...  Curiosita', ricette, giochi e molto altro ancora
CLASSIFICA
Juventus 91
A.S. Roma 87
Napoli 86
Atalanta 72
Lazio 70
Milan 63
Fiorentina 60
Inter 59
Torino 53
Sampdoria 48
Cagliari 47
Sassuolo 46
Udinese 45
Chievo 43
Bologna 41
Genoa 36
Crotone 34
Empoli 32
Palermo 26
Pescara 18
CUCCIOLI IN ATTESA...


 


powered by Romavirtuale.com