Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Marione.net - Te la do io Tokyo
Downloads | Sondaggi | Cartoline | Giochi | Forum | Chat
» Te la do io Tokyo
» Notizie
» A.S.Roma
» Video
» Cuccioli in attesa...
» Speciali
 
Aggiungi a Linkedin Aggiungi a Facebook! Aggiungi a Digg! Segnala ad un amico via email
 
La Repubblica
(18/03/2017)

Stadio, pagato solo un terzo dei terreni: Parnasi chiede lo stop delle rate

A sette anni di distanza dalla prima caparra di 600mila euro messa sul piatto dal costruttore Parnasi per l’acquisto dei terreni di Tor di Valle, la questione torna di attualità perché — nel giorno dell’ennesima stretta di mano tra la sindaca Raggi e il presidente della Roma James Pallotta — la quota versata dalla Eurnova dell’imprenditore romano raggiunge appena il 27% dei 51 milioni di euro (Iva compresa) stabiliti dal contratto definitivo siglato nel 2012. Cinque anni dopo quella firma, sono stati pagati alla Sais (la società al tempo proprietaria del bene e oggi fallita) solo 14,3 milioni di euro. Non solo: nei giorni scorsi la stessa Eurnova ha richiesto al curatore fallimentare della Sais una nuova moratoria per interrompere il pagamento delle rate per altri sei mesi.
 
La vicenda è intricata e la risposta a tutti gli interrogativi ha bisogno di un balzo nel passato. Gaetano Papalia, proprietario dell’Ippodromo di Tor di Valle attraverso l’azienda di famiglia Sais, conosce Luca Parnasi all’inizio del 2010 e stipula con lui un preliminare di vendita dell’area a condizione che ne venga cambiata la destinazione d’uso. In origine, l’idea del costruttore è quella di trasformare i prati di Tor di Valle in una piccola Amsterdam, con canali d’acqua intorno ai quali costruire le abitazioni. Aspettando le decisioni urbanistiche, si arriva al 2012 quando viene approvata dal governo la legge sugli stadi. Papalia ne parla con Parnasi e con Thomas Dibenedetto, il primo presidente americano della Roma, che fa visita all’Ippodromo passando una giornata nel verde di Tor di Valle. È in questo momento che la società affida a Cushman & Wakefield l’incarico di individuare l’area idonea per realizzare lo stadio. La società si mette al lavoro e ad aprile inserisce Tor di Valle in cima alla lista delle preferite. Parnasi fiuta l’affare e sigla un contratto di compravendita con una sospensiva legata sempre alla concessione urbanistica e alle cubature. Secondo il contratto, entro la fine del 2012, la Eurnova deve alla Sais 3,1 milioni di euro di caparra, denari che la società intende reperire attraverso un finanziamento presso la Popolare di Novara.
 
Le cose si mettono bene al punto che nel dicembre del 2012 arriva l’annuncio ufficiale in collegamento transoceanico con Alemanno a Trigoria e Parnasi e Pallotta a Orlando. Ma i problemi finanziari del costruttore rovinano la festa, perché la Popolare concede solo una parte del prestito e la caparra non viene depositata. È il primo scricchiolio che passa in secondo piano perché nel febbraio del 2013 arriva l’istanza di fallimento della Sais per un debito con Equitalia di circa 3 milioni di euro con udienza fissata il 26 giugno. Papalia e Parnasi corrono per rivedere il contratto prima del fallimento e un giorno prima, il 25 giugno, viene messa a punto una nuova bozza: 42 milioni di euro più Iva, di cui 21 per il trasferimento di proprietà e altri 21 in caso di via libera alla cantierizzazione. Contratto alla mano, Papalia chiede a Equitalia di rateizzare il debito secondo le modalità già previste dall’ente, ma la possibilità gli viene negata e nel maggio del 2014 il giudice certifica il fallimento della Sais.
 
Nel luglio del 2015 il curatore fallimentare indicato dal tribunale riprende in mano il contratto con Parnasi che viene in parte rimodulato, posticipando al 2019 il pagamento di 4,5 milioni di mutui bancari, prevedendo uno sconto sull’Iva e una ulteriore rateizzazione dei primi 21 milioni. Da parte sua, la Eurnova ribadisce la liceità delle procedure e conferma che la società sta rispettando il piano dei pagamenti previsto dal curatore. Un piano che sembra scritto senza considerare le esigenze dei tanti creditori della vecchia Sais, che oggi si interrogano sul quando e sul come riavranno indietro i loro soldi.
 
D. Autieri


Notizie correlate
» 25/03/2017 - (La Repubblica) Pallotta, tanti sorrisi ma zero soluzioni. Spalletti resta incerto
E’ ripartito lasciandosi alle spalle gli stessi dubbi di...
» 24/03/2017 - (La Repubblica) In Aula sullo stadio ma il progetto non c'è. Montuori: "Ci vuole tempo"
Doveva essere il giorno della verità per il nuovo stadio della Roma...
» 24/03/2017 - (La Repubblica) Dieci milioni di consulenze. Pallotta alla Roma "costa"
Ottant’anni fa, Gilberto Mazzi sognava e cantava «mille lire...
» 24/03/2017 - (La Repubblica) Lucio in standby. Pallotta riparte senza vedere Totti
«Mi sono iscritto ai social anche per dire la mia...
» 24/03/2017 - (La Repubblica) Da Raggi a Pallotta, così ti filmo i fotoreporter
Il Presidente Pallotta esce dal ristorante dove sta cenando...
» 23/03/2017 - (La Repubblica) Pallotta-Spalletti la cena segreta Radja, idea Premier
Pallotta e Spalletti si sono incontrati ieri sera a cena...
» 22/03/2017 - (La Repubblica) 1 aprile, Olimpico liberato dalle barriere
La guerra delle barriere la vincono i tifosi, e non è un pesce d’aprile. Manca soltanto l’ufficialità, ma dopo l’incontro di ieri tra il presidente della Roma James Pallotta e il ministro dello Sport Luca Lotti, è stato mosso il passo decisivo
» 22/03/2017 - (La Repubblica) Totti si confessa in TV: Spalletti è un grande. Non mi fa giocare, ma spero rimanga
Tre mesi da una (possibile) chiusura con il calcio giocato, Francesco Totti lascia socchiusa la porta, permettendo di sbirciarvi oltre solo un pochino.
» 21/03/2017 - (La Repubblica) Spalletti-Pallotta. Giallo sull'incontro, divisi sul budget
Pallotta e Spalletti sono sempre più lontani. Quantomeno...
» 21/03/2017 - (La Repubblica) La Roma incontra il Comune: delibera stadio in dieci giorni
Un altro incontro – l’ennesimo – sullo stadio della Roma...

 

Benvenuto su Marione.net - Il sito ufficiale di Marione e della Trasmissione Te la do io Tokyo - A.S. Roma Ascolta la trasmissione, a Roma sui 101.5, a Latina e provincia sui 96.0, a Frosinone sui 101.2, a Subiaco sui 102.0

E-mail in DIRETTA con TE LA DO IO TOKYO! Ebbene sì!!! Potete spedire le e-mail durante le 4 ore di trasmissione! Linea diretta VIRTUALE con 'TE LA DO IO TOKIO'! L'E-MAIL E': diretta@marione.net

C'è qualcosa che vorresti vedere su questo sito? Una nuova sezione? Le tue foto? Un gioco che hai realizzato? O una cartolina? Scrivici, siamo pronti a realizzare quasi tutti i vostri desideri!! :-) webmasters@marione.net

AVVISO AI NAVIGANTI Grazie di cuore per tutto ciò che ci state inviando. Cercheremo di utilizzare le cose più carine...! Vi ricordiamo inoltre che gli interventi più belli in chat o nel forum saranno segnalati. Cosa aspettate dunque? Diteci la vostra!
Marione.net - Te la do io Tokyo
   Cookie policyPrivacy Copyright © 2000-2017 Marione.net
VIDEO
05/12/2016
lazio - Roma 0-2 raccontata da Guido De Angelis
05/12/2016
Antonio Giampaoli - Bella sta città quando la Roma vince il derby | lazio - Roma 0-2
05/12/2016
La Roma incontra i suoi tifosi prima del derby - Curva Sud Roma
Il forum di Marione.net
Gli Sponsor di Te la do io Tokyo
Divorzio Celere
Ma Cosa...  Curiosita', ricette, giochi e molto altro ancora
CLASSIFICA
Juventus 73
A.S. Roma 65
Napoli 63
Lazio 57
Atalanta 55
Milan 53
Inter 52
Fiorentina 48
Sampdoria 41
Torino 40
Chievo 38
Udinese 36
Bologna 34
Cagliari 32
Sassuolo 31
Genoa 29
Empoli 22
Palermo 15
Crotone 14
Pescara 12
CUCCIOLI IN ATTESA...


 


powered by Romavirtuale.com