Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalit illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Marione.net - Te la do io Tokyo
Downloads | Sondaggi | Cartoline | Giochi | Forum | Chat
Te la do io Tokyo
Notizie
A.S.Roma
Video
Cuccioli in attesa...
Speciali
 
Aggiungi a Linkedin Aggiungi a Facebook! Aggiungi a Digg! Segnala ad un amico via email
 
Il Tempo
(15/06/2017)

Ecco la Roma di Eusebio: Umilt e idee chiare

Le notizie le ha date Monchi, Di Francesco, armato del manifesto dell’umiltà, ha fatto l’aziendalista, pur ridendoci su. Sotto la montatura spessa degli occhiali, Eusebio mal celava l’emozione di chi tornando a casa dopo molti anni non fa l’ospite ma il padrone. E sta per vivere la sua «grande occasione». Il nuovo tecnico della Roma è l’opposto del vecchio, anti-Spallettiano nell’atteggiamento di fronte a una platea di giornalisti che probabilmente non aveva mai avuto tutta per sé. Semplice, diretto, conciso. Non fa proclami e detta la legge del «low profile», anche se i sogni della gente li respira perché quella gente la conosce bene. La parola «scudetto» non risuona nella sala stampa di Trigoria che tante volte l’aveva sentita pronunciare, restando poi con la bacheca vuota. Di Francesco ha tutta l’aria di chi non vuole rompere il giocattolo nuovo che prima non si poteva permettere e adesso che ce l’ha deve valorizzare. Con i suoi metodi, con il suo modulo, «perché sono stato scelto per fare un certo tipo di calcio ed è giusto che lo trasmetta ai giocatori». Partendo dai leader con cui dividerà il cammino, nello spogliatoio con capitan De Rossi o fuori con la leggenda Totti, che oggi potrebbe presentarsi a Trigoria per incontrare i dirigenti: «La società ha parlato con Francesco del suo futuro da dirigente, il ruolo lo sceglierà lui perché è abbastanza grande per farlo e a breve dovrà dare una risposta. Ho un legame particolare con lui e sarei contento di continuare a lavorarci, anche se in un’altra veste».
 
Quanto è importante per lei il rinnovo di De Rossi? 
«È la prima persona che ho chiamato appena ho trovato l’accordo con la Roma. Mio figlio gioca nel Bologna, ma è un super tifoso giallorosso e, quando gli chiedono chi è il suo idolo, lui risponde Daniele De Rossi. Io condivido il perché: anche quando è in panchina, se un suo compagno fa gol è sempre il primo ad esultare e ad abbracciarlo. È un’immagine che tanti calciatori devono prendere come esempio».
 
Da fuori che idea si è fatto della Roma? 
«Una squadra di profilo alto con dei giocatori che definire interessanti è poco. Ha avuto davanti un’avversaria fortissima come la Juve, ma ha dimostrato comunque di essere di livello top».
 
Campionato eccellente, ma insufficiente nelle coppe: come legge queste contraddizioni? 
«Più che altro credo che ci dobbiamo preparare a lavorare sodo per cercare di ottenere maggiori successi in tutte le competizioni. Per raggiungere qualche traguardo dobbiamo fare qualcosa in più tutti insieme: sono qui per questo. Sono pronto per questa sfida».
 
Quale obiettivo centrato la renderebbe contento a fine stagione? 
«Non voglio fare proclami. Tutti quanti dobbiamo avere un profilo basso nel modo di fare e nell’atteggiamento. Con l’umiltà nel lavoro possiamo ottenere grandi risultati. Dove arriveremo? Non lo so. Conosco i sogni della gente, viviamo di concretezza e di speranza. L’entusiasmo è alla base».
 
Quanto può essere d’aiuto avere da subito il calore della Curva Sud? 
«Avendolo vissuto in prima persona, dico che è fondamentale. Mi auguro che sarà sempre, anzi ne sono convinto, il dodicesimo uomo in campo».
 
Quale valore aggiunto porterebbe invece lo stadio di proprietà? 
«Un valore positivo all’ennesima potenza: è il futuro del calcio, per rimanere nei top club europei. Sono convinto che ce l’avremo e mi auguro di essere qui a festeggiarne l’apertura».
 
La Roma, però, ha cambiato 14 allenatori negli ultimi 14 anni: ha la percezione di essere arrivato in una città che ha fretta?
«Penso che nel calcio ci sia sempre fretta, però ho la serenità e il desiderio di far bene. Questo ambiente un pochino lo conosco, anche se può essere un po’ cambiato. I risultati sono alla base del calcio, li perseguiremo, magari anche facendo divertire la gente allo stadio. Tanti problemi non me li sto ponendo, la cosa più importante è cercare di creare compattezza. Significa lavorare tutti insieme per un obiettivo comune, sapendo che durante questo cammino potranno esserci dei momenti facili e difficili. Quello che noi ci auguriamo è che sia più in discesa che in salita. Questo può essere un ambiente particolare, difficile, chiamatelo come volete, ma io sono sereno nell’affrontare questa bellissima avventura».
 
È un tecnico che concorda con la società tutti gli acquisti o si adatta? 
«Voleva chiedere se sono aziendalista o meno? Faceva prima (ride, ndc). Le scelte sono condivise, le mie fortune sono quelle della società, non siamo due entità separate. Lavoriamo per il bene della Roma e insieme vogliamo mettere su una squadra forte».
 
Ha chiesto Berardi? 
«È un ottimo calciatore e ha grandissimi mezzi, questo non significa che sia un obiettivo della Roma».
 
Ha sempre detto che per fare il 4-3-3 servono 6 attaccanti in una rosa: conferma? 
«È stata una delle prime cose di cui abbiamo parlato con la società, che si sta adoperando sapendo che io spremo un po’ di più a livello fisico gli esterni. Pellegrini è un’ottima mezz’ala e il club ci sta lavorando».
 
Come vedrebbe Nainggolan in quel ruolo? E Florenzi?
«Radja sarebbe capace di fare 18 gol. Florenzi rima voglio allenarlo, poi gli darò un ruolo. Ne può ricoprire tantissimi, dall’attacco alla difesa, ma auguriamoci innanzitutto che guarisca presto. Spero di averlo già in ritiro a Pinzolo. Sicuramente lì avrò Bruno Peres: da terzino ha espresso le sue qualità più nel Torino che nella Roma. Lo tengo in grande considerazione, ma per giocare a 4 dietro deve lavorare. Io parto dal sistema di gioco che riesco ad esprimere meglio, il 4-3-3, adattabile ad un 4-2-4 o 4-2-3-1. Si dice spesso che il mio calcio è solo verticalità: dipende con chi e dove si gioca. Non aveva un atteggiamento remissivo il Sassuolo e non lo avrà la Roma». Umile sì, ma pure battagliero.

E. Menghi


Notizie correlate
24/06/2017 - (Il Tempo) Sul nuovo stadio si decide ad agosto
Quarantacinque giorni per sapere che ne sar...
24/06/2017 - (Il Tempo) Mourinho tenta il Ninja, ma la Roma lo blinda
Prima era Conte, adesso Mourinho, ma il finale dovrebbe essere...
23/06/2017 - (Il Tempo) Loperazione rifinanziamento sale da 175 a 230 milioni
Rifinanziato il debito della Roma con Goldman Sachs...
23/06/2017 - (Il Tempo) Manolas allo Zenit. Trattativa a oltranza
Manolas-Zenit si pu, ma non fatta. Tuttaltro. La spedizione...
22/06/2017 - (Il Tempo) Raggi bocciata. Il tira e molla sullo stadio della Roma
Lo Stadio della Roma (quando se lo compra) un regalo al...
22/06/2017 - (Il Tempo) Ounas o Ghezzal per sostituire Salah
Caccia aperta allerede di Salah. Legiziano va da Klopp e Monchi...
21/06/2017 - (Il Tempo) Faccia a faccia tra Pallotta e Di Francesco
Da Londra parte la nuova stagione della Roma targata Di Francesco...
21/06/2017 - (Il Tempo) Karsdorp in vacanza con Totti
Due colpi in sette giorni. Monchi ha stilato il piano di mercato della...
20/06/2017 - (Il Tempo) Rischio dissesto e vincoli fantasma. Su Tor di Valle non c mai pace
Pi che uno stadio fatto bene quello di Tor di Valle sembra...
20/06/2017 - (Il Tempo) Di Francesco e Monchi da Pallotta
Si sarebbero dovuti conoscere in America, mentre la dirigenza giallorossa...

 

Benvenuto su Marione.net - Il sito ufficiale di Marione e della Trasmissione Te la do io Tokyo - A.S. Roma Ascolta la trasmissione, a Roma sui 101.5, a Latina e provincia sui 96.0, a Frosinone sui 101.2, a Subiaco sui 102.0

E-mail in DIRETTA con TE LA DO IO TOKYO! Ebbene s!!! Potete spedire le e-mail durante le 4 ore di trasmissione! Linea diretta VIRTUALE con 'TE LA DO IO TOKIO'! L'E-MAIL E': diretta@marione.net

C' qualcosa che vorresti vedere su questo sito? Una nuova sezione? Le tue foto? Un gioco che hai realizzato? O una cartolina? Scrivici, siamo pronti a realizzare quasi tutti i vostri desideri!! :-) webmasters@marione.net

AVVISO AI NAVIGANTI Grazie di cuore per tutto ci che ci state inviando. Cercheremo di utilizzare le cose pi carine...! Vi ricordiamo inoltre che gli interventi pi belli in chat o nel forum saranno segnalati. Cosa aspettate dunque? Diteci la vostra!
Marione.net - Te la do io Tokyo
   Cookie policyPrivacy Copyright 2000-2017 Marione.net
VIDEO
30/05/2017
Il saluto finale del Capitano Francesco Totti al termine di Roma - Genoa (28 maggio 2017)
05/12/2016
lazio - Roma 0-2 raccontata da Guido De Angelis
05/12/2016
Antonio Giampaoli - Bella sta citt quando la Roma vince il derby | lazio - Roma 0-2
Il forum di Marione.net
Gli Sponsor di Te la do io Tokyo
Roma Virtuale - Creazione Siti Web Roma
Ma Cosa...  Curiosita', ricette, giochi e molto altro ancora
CLASSIFICA
Juventus 91
A.S. Roma 87
Napoli 86
Atalanta 72
Lazio 70
Milan 63
Fiorentina 60
Inter 59
Torino 53
Sampdoria 48
Cagliari 47
Sassuolo 46
Udinese 45
Chievo 43
Bologna 41
Genoa 36
Crotone 34
Empoli 32
Palermo 26
Pescara 18
CUCCIOLI IN ATTESA...


 


powered by Romavirtuale.com